Crea sito

Armi strane

L’uomo è dotato di una fervida immaginazione, anche quando si tratta di armi. La storia è ricca di esempi, come le invenzioni di Archimede o quelle di Leonardo da Vinci. Spesso le nuovi armi hanno cambiato il modo di combattere degli eserciti, creando delle svolte epocali. Per dare un idea possiamo citare il carro armato che ha rivoluzionato i campi di battaglia a partire dalla Prima guerra mondiale.
In alcuni casi la fantasia degli inventori è spinta al limite della bizzarria, con il risultato di creare armi decisamente inutili.
Durante la Seconda guerra mondiale si sperimentarono molte armi per cercare di sconfiggere il nemico. Tra quelle più strane ci sono quelle che hanno come protagonisti l’utilizzo di animali. Purtroppo all’epoca non esistevano movimenti animalisti che ne contrastassero in qualche modo la sperimentazione. Gli Stati Uniti furono molto attivi nella ricerca. Studiarono l’utilizzo di pipistrelli per trasportare piccole bombe incendiarie in Giappone. Piccioni furono impiegati come sistema di guida per missili. Qualcuno pensò addirittura di lanciare dei gatti esplosivi dagli aerei per bombardare le navi. Neanche il buon “Fido” fu risparmiato. I sovietici addestrarono dei cani imbottiti di esplosivo a lanciarsi contro i carri armati tedeschi. Di questi “armamenti animali” solo i cani portarono a dei risultati. Pare che siano stati distrutti circa trecento carri tedeschi con questo metodo tuttavia, le povere bestiole non erano in grado di riconoscere un carro tedesco da uno sovietico. Dopo una serie di incidenti il progetto fu abbandonato, con grande gioia dei cani.
La Guerra del Viet Nam è stato un altro banco di prova per gli inventori a stelle e strisce. Uno dei progetti riguardava ancora una volta l’utilizzo di animali, in questo caso i delfini. Ne furono addestrati molti con lo scopo di proteggere alcuni porti dagli attacchi di sommozzatori viet cong. A quanto sembra i delfini killer riuscirono a uccidere una quarantina di nemici e alcuni americani per errore. Anche in questo caso gli animali non erano in grado di fare distinzioni.
In Viet Nam una delle ossessioni per gli americani era rappresentata dal sentiero di Ho Chi Minh. Questo non era altro che un dedalo di piccoli sentieri che attraversavano la foresta utilizzati dai viet gong per fare giungere al sud i rifornimenti di armi e viveri. I vertici militari USA fecero di tutto per arrestare il flusso di approvvigionamenti. L’arma utilizzata maggiormente fu l’agente arancio, un defoliante che una volta irrorato disboscava le foreste vietnamite privando i viet cong della copertura. La sostanza era cancerogena e ha provocato molte malattie tra la popolazione vietnamita. L’agente arancio fu impiegato per una decina di anni ma non portò a grossi risultati. I viet cong abbandonavano i percorsi defoliati e si spostavano altrove, senza contare che gli spostamenti avvenivano di notte.
Altro curioso strumento era un’antenna in grado di captare piccole vibrazioni. Questi dispositivi venivano lanciati dagli aerei fino a quando si conficcavano nel terreno. Una piccola antenna a forma di pianta era l’unica cosa che sporgeva fuori. L’antenna registrava ogni movimento e lo trasmetteva ad un aereo in quota che elaborava le informazioni. I lanci di queste antenne avvennero tra il 1967 e il 1971. L’operazione denominata “Igloo White” costò ai contribuenti americani circa 725 milioni di dollari. Un ufficiale dell’USAF dichiarò scherzosamente che ogni quattro cespugli del sentiero di Ho Chi Minh c’era un antenna americana. Nonostante lo spiegamento di mezzi l’operazione non portò a grossi risultati.
L’ultimo armamento di cui voglio parlare è quello che ritengo più simpatico. Si tratta del People Sniffer, il Fiuta persone. La sua apparizione sui campi di battaglia rappresentò il sogno di ogni soldato. Questo dispositivo, da applicare sotto la canna del fucile, era in grado di rilevare la presenza di sudore umano e rifiuti corporei, sia liquidi che solidi. Impiegato a bordo di un elicottero,  era in grado di individuare i nemici a distanza. Purtroppo anche questo progetto fu accantonato ma questa volta non perché non funzionava. Al contrario, il congegno funzionava troppo bene perché era in grado di trovare ogni minima traccia di escrementi, anche se non sapeva distinguere quelli umani da quelli animali. In pratica l’indicatore individuava qualsiasi traccia di rifiuti corporei rendendolo in definitiva inutile.
Chissà quante strane armi sono state inventate e quante ne inventeranno in futuro. La creatività umana non ha limiti.

Alessandro Cirillo

Post Categories: Altri articoli
Tags: ,