Crea sito
Acque agitate

Acque agitate Fino a qualche anno fa non avrei mai creduto di poter scrivere libri. Ora che ne ho sei all’attivo (tra cui uno scritto con Giancarlo Ibba) penso di potermi ormai definire uno scrittore. Se posso fregiarmi di questo titolo lo devo soprattutto alla casa editrice EEE, con la quale ho pubblicato tutti i miei libri. La Edizioni Esordienti E-Book nasce nel 2011 su iniziativa della signora Piera Rossotti. La sua biografia è corposa e interessante. Mi limito a dire che è una professoressa in pensione che ha all’attivo diverse pubblicazioni, alcune scritte con uno pseudonimo altre come ghost writer (ovvero chi scrive qualcosa che viene pubblicato con la firma di un’altra persona). La EEE fin dal suo esordio decide di dare spazio agli autori esordienti, o non ancora famosi, come li definisce la Rossotti, credendo nel talento nascosto di molti bravi scrittori italiani. Per competere nel vasto e spietato mondo dell’editoria, la casa editrice punta da subito sul formato digitale (anche se in catalogo non mancano i classici libri cartacei). Da pochi libri in catalogo si arriva ad averne decine, alcuni dei quali hanno così successo da essere adocchiati da case editrici più grandi. La EEE cresce ogni anno sempre di più. Nel mio piccolo sono felice di aver contribuito a questa crescita. Per ringraziare i miei lettori storici e per allettare i potenziali nuovi lettori, la EEE ha messo a disposizione l’intero testo di un mio racconto inserito nell’antologia “Bugie e Verità.” Qua sotto avrete la possibilità di scaricare […]

Continue Reading →

Normandia in tre giorni

Per un appassionato della Seconda guerra mondiale ci sono diversi luoghi che bisogna visitare. Tra questi c’è senza dubbio la Normandia, dove gli Alleati sbarcarono in forze il 6 giugno del 1944. Per quanto mi riguarda è un viaggio che ho sempre desiderato fare ma che ho sempre rimandato. Vuoi per la mancanza di tempo, vuoi perché la mia povera moglie avrebbe rischiato di annoiarsi un bel po’. Il desiderio è rimasto nella lista delle cose da fare appena possibile per molti anni. Poi, un giorno, mi ritrovo a parlare con l’amico e collega Michele. Scopro che anche lui vorrebbe visitare i luoghi del D-Day.

Continue Reading →

Essere un capotreno

Per lavorare a contatto con le persone bisogna essere dotati di una grande pazienza. Non fa eccezione l’attività che svolgo per guadagnarmi da vivere, ovvero il capotreno. Fino a una ventina di anni fa era una figura rispettata più o meno da tutti, ma con il passare del tempo ha assunto sempre di più il ruolo di bersaglio con cui prendersela in caso di disservizi. Questo è uno dei segni di una società che cambia, purtroppo spesso in peggio. Come ricorda un annuncio diffuso sui treni regionali, il capotreno è un pubblico ufficiale nell’esercizio delle sue funzioni. Come gli altri miei colleghi ho fatto un giuramento davanti a un altro pubblico ufficiale posando una mano sulla costituzione.

Continue Reading →

Lapalisse

Lapalissiano. Che cosa vorrà mai dire questa strana parola? Sarà forse un abitante di un misterioso pianeta? Oppure il nome di un nuovo cocktail? Ovviamente no e sono sicuro che la maggior parte delle persone sa che cosa significa, anche se nel linguaggio di tutti i giorni il termine non viene molto utilizzato. Per chi non lo sapesse l’aggettivo lapalissiano si usa per definire qualcosa di ovvio, evidente. Ma qual è la storia di questa parola?

Continue Reading →

La guerra più breve

La sua durata la fa classificare come la guerra più breve della storia di cui si abbia documentazione. Circa quaranta minuti di combattimenti prima di decretare la fine delle ostilità (meno della metà di una partita di calcio). Dove si sarà mai combattuta questa rapidissima guerra?

Continue Reading →

Le marocchinate

Marocchinate, un termine che probabilmente a molte persone non dirà niente, soprattutto tra i giovani. Invece ci sono persone, oggi ormai anziane, che le marocchinate se le ricordano ancora bene. “La storia viene scritta dai vincitori”, il detto è sempre valido e lo dimostra il fatto che i protagonisti di queste vicende sono soldati che combattevano sotto la bandiera della Francia, tra i vincitori al termine della Seconda guerra mondiale. Forse è anche per questo motivo nelle scuole si tende a omettere questi fatti, accaduti nella cara Italia. Io stesso ricordo di averli appresi dopo il diploma, leggendo libri. Dunque, cosa sono queste marocchinate?

Continue Reading →

Il soldato di tre eserciti

Anche in mezzo alla crudeltà di una guerra si possono trovare delle vicende curiose che terminano con un lieto fine. Questo è proprio il caso della storia che sto per raccontare. Il protagonista è un coreano nato nel 1920 dal nome per noi quasi impronunciabile, Yang Kyoungjong.

Continue Reading →

Isole Aleutine

Gli Stati Uniti d’America sono senza discussione la potenza più grande al mondo. In tutto il ventesimo secolo e anche dall’inizio del ventunesimo si sono impegnati in decine di guerre, andando anche a occupare nazioni straniere come Vietnam, Afghanistan e Iraq. Ma in questo arco di tempo il territorio degli USA è mai stato invaso da eserciti stranieri? Nell’immaginario di molta gente, questa ipotesi è avvenuta solo nel film “Alba Rossa”, dove gli Stati Uniti venivano invasi a sorpresa dai sovietici.

Continue Reading →

Armi strane

L’uomo è dotato di una fervida immaginazione, anche quando si tratta di armi. La storia è ricca di esempi, come le invenzioni di Archimede o quelle di Leonardo da Vinci. Spesso le nuovi armi hanno cambiato il modo di combattere degli eserciti, creando delle svolte epocali. Per dare un idea possiamo citare il carro armato che ha rivoluzionato i campi di battaglia a partire dalla Prima guerra mondiale. In alcuni casi la fantasia degli inventori è spinta al limite della bizzarria, con il risultato di creare armi decisamente inutili.

Continue Reading →

Il primo attacco di un sommergibile

La Prima guerra mondiale, per le tattiche e gli armamenti messi in campo, ha segnato il punto d’inizio dei conflitti moderni. Tra le tattiche si possono ricordare i bombardamenti indiscriminati sui civili messi in pratica dai tedeschi sulle città della Gran Bretagna utilizzando i dirigibili Zeppelin. I teutonici, ancora loro, si distinsero anche per l’uso di proiettili al gas contro le truppe alleate (che ricambiarono presto il favore). Come sicuramente saprete i bombardamenti e gli attacchi chimici sono ancora tutt’oggi una triste realtà.

Continue Reading →