Crea sito
Esercito Italiano: esserci nel momento del bisogno

Pubblicato sulla rivista Combat Arms Magazine numero 2 del 2017 La camionetta risaliva la montagna inerpicandosi sulla ripida strada. La carreggiata era così stretta da permettere a malapena il passaggio dell’automezzo. All’ennesimo tornante l’autista si lasciò sfuggire un’imprecazione in dialetto mentre scalava di marcia. Nel retro della camionetta c’erano una decina di soldati che negli ultimi venti minuti erano stati sballottati a destra e a sinistra come banderuole al vento. Il sergente controllò l’orologio da polso che gli aveva regalato sua moglie l’ultimo compleanno. Due ore prima erano partiti dalla caserma ma ormai mancava poco alla destinazione. Gli uomini avevano parlato delle solite cose, famiglia, calcio, donne. Ora che la meta si avvicinava sempre più era calato un silenzio carico di tensione. I soldati non stavano andando in guerra ma in un posto che aveva subito una devastazione simile.

Continue Reading →

Una giornata con i Lagunari

Pubblicato sulla rivista Combat Arms Magazine numero 1 del 2017 Per una persona appassionata di questioni militari assistere da vicino ad un’esercitazione è un enorme privilegio. Quando poi, l’attività riguarda una specialità come lo sbarco anfibio la soddisfazione raddoppia. In questo articolo voglio condividere con i lettori la mia giornata passata con i Lagunari, unico reparto con capacità anfibie in organico all’Esercito Italiano (già trattati nel numero 5 della rivista di quest’anno). In un’insolitamente calda giornata di inizio ottobre varco i cancelli della caserma “Edmondo Matter” di Mestre.

Continue Reading →

Le Frecce Tricolori

Pubblicato sulla rivista Combat Arms Magazine numero 6 del 2016. È una splendida giornata di inizio giugno. Fa caldo quel tanto che basta da andare in giro in maniche corte senza essere oppresso da una cappa dafa. Il cielo è così azzurro che viene voglia di stare ad ammirarlo in silenzio per ore. C’è solo uno sparuto gruppetto di nuvole bianche come il latte in lontananza. Il sole sembra quasi tenerle a bada continuando a irrorare i suoi raggi sulla capitale dItalia. La folla rumoreggia in attesa dell’inizio della manifestazione che celebra l’anniversario della Repubblica Italiana. Via dei Fori Imperiali taglia in due una massa variopinta di persone festanti. C’è chi ride, chi fa foto, chi parla con il vicino e chi rimane in religioso silenzio. In prima fila, un gruppo di emozionati bambini sventola delle piccole bandiere tricolore. Finalmente è arrivato uno dei momenti che tutti stanno aspettando. Un potente rombo echeggia per le vie di Roma. Le teste delle persone si rivolgono allunisono verso il cielo. Nove aerei stanno sorvolando la città eterna disposti come la punta di una grande freccia. Al loro passaggio rilasciano una spumosa scia fumo dai colori verdi, bianchi e rossi. Una lunga bandiera italiana viene dipinta nel cielo. Le Frecce Tricolori sono arrivate. La parata del 2 giugno può iniziare.

Continue Reading →

16° Stormo Protezione delle Forze

Pubblicato sulla rivista Combat Arms Magazine numero 6 del 2014. Il sole è già alto nel cielo, la temperatura si fa subito calda, troppo calda per chi è equipaggiato in completo assetto da battaglia. Il pesante elicottero HH-3F con l’insegna dell’Aeronautica Militare prosegue incurante della temperatura fino al punto prestabilito. Attraverso il portellone aperto giungono delle folate di aria fresca che danno un poco di sollievo agli occupanti. Il pilota diminuisce gradualmente la velocità fino ad arrestare il velivolo in volo stazionario a circa dieci metri d’altezza. La zona sottostante è stata indicata come calda e non solo per la temperatura. C’è il rischio di trovare qualche nemico in attesa pronto a dare il benvenuto. Meglio evitare l’atterraggio, facendo sbarcare la squadra di fucilieri con le corde. Uno dei membri dell’equipaggio, srotola la fune lasciandola cadere verso il terreno. Tutto è pronto per la discesa. Il primo dei fucilieri si avvicina al portello e afferra la corda con entrambe le mani. Poco dopo si getta nel vuoto, avvinghiando anche le gambe intorno alla fune, come fanno i pompieri quando scendono dal palo quando scatta la chiamata. Bastano alcuni secondi per ritrovarsi a terra. L’operatore impugna immediatamente il suo fucile d’assalto Beretta ARX-160 e osserva il territorio alla ricerca di eventuali contatti ostili. Nel frattempo il secondo fuciliere si sta già calando dall’elicottero. Uno ad uno tutti gli operatori scendono a terra coprendosi a vicenda a 360°. Le corde vengono ritirate in fretta dall’equipaggio. Lo sbarco è avvenuto senza problemi e […]

Continue Reading →

I Lagunari

Pubblicato sulla rivista Combat Arms Magazine numero 5 del 2016 Il sole iniziò la sua pigra ascesa verso il cielo. I primi raggi si riflettevano sulla superficie increspata del mare. L’aria era fresca e profumata di salsedine. Alcuni natanti avanzarono sull’acqua interrompendo la quiete della mattina. Dietro di loro lasciavano delle scie bianche e spumose. Erano quattro AAV7, mezzi corazzati anfibi che trasportavano un totale di 80 uomini in completo assetto da combattimento. La spiaggia era ormai distante appena un centinaio di metri. La forza da sbarco era pronta. Gli AAV7 cavalcarono le ultime onde fino a quando i cingoli toccarono la sabbia morbida ma compatta. I piloti fermarono i loro mezzi sul bagnasciuga. I portelloni furono aperti permettendo agli uomini di sciamare sulla spiaggia. Gli stivali calpestarono l’acqua mista a sabbia. Ad attenderli c’era un gruppo di compagni che avevano raggiunto per primi l’obbiettivo mettendolo in sicurezza e permettendo uno sbarco tranquillo. Uno ad uno tutti i soldati si posizionarono, pronti alla fase successiva della missione. Il comandante si consultò con un paio di sottoposti prima di dare l’ordine di proseguire. Gli uomini appartenenti al Reggimento Lagunari “Serenissima” si misero in marcia. La spiaggia era stata presa, la missione proseguiva nell’entroterra dove ad aspettarli c’erano insidie e pericoli. Ma loro non si sarebbero tirati indietro fedeli al motto del Reggimento “come lo scoglio infrango, come l’onda travolgo.”

Continue Reading →

Cacciatori di Calabria dei Carabinieri

Pubblicato sulla rivista Combat Arms Magazine numero 4 del 2016 Un soffio di aria gelida investì un gruppo di faggi facendone oscillare i rami. Alcune foglie giallognole si staccarono iniziando la discesa verso il terreno. Da diverse ore la notte aveva steso il suo scuro mantello sulle montagne dell’Aspromonte. Un bell’esemplare di Barbagianni volteggiò tra gli alberi alla ricerca del suo pasto. Il suo grido stridente echeggiò nelle tenebre. Era ignaro che sotto di lui, ben mimetizzati, anche due uomini erano in attesa della loro preda.

Continue Reading →

Artiglieria Terrestre

Pubblicato sulla rivista Combat Arms Magazine numero 2 del 2016. Il tenente ripose il binocolo in una tasca del gilet tattico. Quello che aveva visto non lo rassicurava per niente. L’obbiettivo da assaltare era un piccolo villaggio abbandonato durante la guerra. Il nemico lo aveva occupato creando una piccola base. Il perimetro era costellato da diverse postazioni rinforzate e dotate di mitragliatrici pesanti che coprivano l’area a 360°. Avrebbero fatto una strage tra i suoi uomini. Era necessario ammorbidire le difese prima dell’attacco. Per fortuna a circa venti chilometri di distanza era presente una batteria di obici semoventi PzH 2000. Quella era la potenza di fuoco che gli serviva.

Continue Reading →

AVES

Pubblicato sulla rivista Combat Arms Magazine numero 1 del 2015. Il cielo coperto da nuvole grigie minacciava una nuova scarica di pioggia. Il tempo nelle ultime ventiquattr’ore non era stato clemente, tuttavia le operazioni dovevano andare avanti. La coppia di AW 129 procedeva in formazione a caccia di obbiettivi. Il Comando aveva segnalato la presenza di carri armati nemici in zona. Aquila 1 e Aquila 2 si erano alzati in volo per intercettarli. Un corposo banco di nubi venne illuminato da un lampo.  I radar dei due Mangusta individuarono un mezzo nemico lungo la rotta. Aquila 1 decise di ingaggiare il bersaglio e si staccò dalla formazione. Il pilota scese di quota e inquadrò il mezzo, un vecchio T-62 di produzione sovietica. Il cannoniere armò un missile controcarro Tow. “Fuoco” esclamò. Il missile si staccò dal pilone esterno e si diresse verso il bersaglio. Il carro armato esplose in una palla di fuoco. “Aquila 1. Bersaglio distrutto, continuiamo la caccia.” “Roger”. Il Mangusta tornò in formazione. La missione non era ancora finita.  

Continue Reading →

San Giusto

Pubblicato sulla rivista Combat Arms Magazine numero 6 del 2015. Il pesante portellone iniziò ad abbassarsi accompagnato da una serie di cigolii metallici. L’acqua scura e fredda si insinuò scrosciando all’interno del bacino allagabile della nave. In pochi attimi sollevò la chiglia dei cinque barchini d’assalto. A bordo di ogni imbarcazione c’erano otto uomini in completo assetto da combattimento. Il comandante della squadra alzò un braccio. Uno dopo l’altro i barchini uscirono fuori dal ventre delle nave ritrovandosi a a solcare il mare tranquillo. Con il visore notturno calato sugli occhi, uno degli assaltatori guardò il cielo nero. La luna era nascosta da una folta coltre di nuvole. I piloti dei natanti procedettero veloci verso il punto designato dalle squadre di esploratori. Attraverso la luce verdognola del visore, la spiaggia si avvicinava sempre di più. Cento metri, cinquanta, dieci. I barchini uscirono dall’acqua arenandosi sulla sabbia. Appena furono fermi tutti gli assaltatori della Brigata Marina San Marco saltarono a terra. C’era parecchio lavoro da fare. Il nemico andava sopraffatto rapidamente in modo da creare una solida testa di ponte. A bordo della nave San Giusto c’erano ancora centinaia di fucilieri pronti ad entrare in azione. Lo sbarco era iniziato.

Continue Reading →

4° Stormo

Pubblicato sulla rivista Combat Arms Magazine numero 1 del 2016. Il trillo della sirena echeggiò nell’edificio facendo sobbalzare dalla sedia i due piloti. In un attimo scattarono in piedi per recuperare l’attrezzatura di volo. Poco dopo uscirono all’esterno e iniziarono a correre verso gli hangar. Due aerei da caccia Eurofighter 2000 Typhoon erano già pronti al decollo. Arrivarono ai velivoli e risalirono veloci la scaletta metallica. Un team di specialisti stava ultimando gli ultimi preparativi per il volo. I tettucci dei Typhoon furono richiusi. Gli ultimi controlli e furono pronti a rullare sulla pista distante un centinaio di metri.  I piloti non sapevano ancora dove erano diretti, per il momento la priorità era decollare. Una volta in cielo avrebbero ricevuto informazioni più dettagliate. Era appena stata attivata una procedura chiamata in gergo “scramble.” Gli aviatori avevano il compito di decollare e intercettare un velivolo che era entrato nello spazio aereo italiano senza stabilire un contatto radio con le autorità. La situazione poteva essere una minaccia per la sicurezza nazionale. I due caccia raggiunsero la pista di decollo e si allinearono. Il primo pilota  azionò la manetta facendo accelerare l’apparecchio sull’asfalto rovente. Raggiunta la velocità giusta tirò la cloche. Il carrello anteriore si staccò dalla pista. In poco tempo entrambi i velivoli erano in volo diretti verso il nord Italia. L’aeroporto “Corrado Baccarini” di Grosseto era già centinaia di metri sotto di loro. Attraverso il tettuccio trasparente, si poteva ammirare il litorale toscano con i suoi numerosi stabilimenti balneari. Viaggiando a […]

Continue Reading →