Crea sito

Attacco allo stivale

attacco allo stivaleAttacco allo stivale è un thriller d’azione ambientato in un futuro prossimo, ed è un racconto particolarmente inquietante perché il terrorismo internazionale di matrice islamica fondamentalista è, come ben sappiamo, una realtà con la quale l’Occidente ha dovuto e probabilmente dovrà ancora fare i conti. Il Joa, acronimo di Justice of Allah, è l’organizzazione terroristica più potente del mondo, fondata da un ex funzionario dell’intelligence del regime di Saddam Hussein. Per lanciare il suo attacco contro le nazioni amiche di Israele e alleate degli Stati Uniti, il gruppo sceglie come primo obiettivo l’Italia, arruolando tra le sue file Husam Ferreri, un giovane di origine marocchina, divenuto esperto di esplosivi nell’Esercito italiano, che dovrà compiere alcuni gravi attentati mentre, in parallelo, il Joa si impadronisce di un aereo russo con capacità stealth, ossia invisibile ai radar, e lo programmerà per distruggere il Governo italiano, in occasione della festa della Repubblica. Il compito di sventare i piani dell’organizzazione sarà affidato a Nicholas Caruso, che lavora per i servizi segreti, e al suo amico Ruben Monteleone, membro del G.I.S., le forze antiterrorismo dei Carabinieri.
Il romanzo, dal ritmo incalzante, molto ben congegnato e attentamente documentato, rappresenta il tentativo – riuscito – di scrivere un “page-turner” italiano, che non ha nulla da invidiare ad autori ben più famosi del mondo anglosassone. Come nei romanzi di Ken Follett, di Tom Clancy e di altri grandi maestri del genere, sappiamo che, alla fine, i buoni vinceranno… ma non sappiamo come, e un buon thriller ci tiene con il fiato sospeso fino all’ultima pagina. Proprio come questo romanzo di Alessandro Cirillo.

canstockphoto16558615

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

quattordici + undici =

*